Ultima modifica: 22 Giugno 2020

Cari genitori… grazie

Carissimi genitori,

grazie della vostra lettera, grazie delle vostre splendide parole, grazie della vostra vicinanza e scusatemi se, in ritardo, vi rispondo solo ora. Sono state e sono ancora giornate molto impegnative. Seguire, prima, la didattica a distanza e ora la programmazione degli esami di terza media, ha comportato e comporta un impegno denso di responsabilità nei confronti dei ragazzi e di voi genitori. Come ben sapete, in questo anno veramente strano e difficile, sotto tutti i punti di vista, era molto importante arrivare a tutti i Nostri ragazzi e credo che questo traguardo sia stato raggiunto. E’ proprio vero, abbiamo lavorato con tanta premura e moltissima passione per risolvere ogni problematica, per rimuovere ogni ostacolo, sia vecchio, sia nuovo. Io e i miei colleghi, che mi hanno sempre sostenuto e aiutato, in ogni momento, ci siamo assunti grandi responsabilità, ben consci delle urgenti necessità dei nostri allievi, consapevoli dei loro diritti inderogabili. Sapere che quanto fatto è stato positivo, ha raggiunto gli scopi prefissati ed è stato apprezzato, ci riempie di gioia, di grande gioia. Il nostro è veramente, da anni, un collegio docenti molto unito, formato da professionisti che lavorano costantemente secondo le linee educativo-didattiche che il nostro Istituto si è dato oltre un quindicennio fa e che si possono riassumere in poche semplici parole: una scuola di qualità che fa dell’inclusione di tutti gli allievi il suo obiettivo primario e irrinunciabile.
A conferma della bontà della nostra azione educativa è arrivata la Vostra lettera, che ci ha toccato, emozionato, inorgoglito, spronandoci a perseguire sempre più lungo questa strada maestra, tracciata oramai molti anni fa. Io e i miei colleghi non abbiamo trovato subito le parole per rispondervi, perché la commozione nel leggere i vostri pensieri ci ha quasi bloccato. La lettera però ora è pronta e, prima di inviarvela, io e i miei colleghi l’abbiamo letta e riletta ed ora è molto bello ed emozionante condividerla con voi.
Naturalmente vi dobbiamo ringraziare non solo per le vostre affettuose parole, ma soprattutto per la vicinanza che, ogni giorno di questi mesi così complicati, ci avete dimostrato. E’ stato anche grazie al vostro costante incoraggiamento, alla vostra
assidua e fattiva presenza, alla vostra collaborazione se siamo riusciti a portare a termine positivamente quest’ anno scolastico così problematico. Grazie quindi del vostro appoggio, della vostra pazienza, della vostra comprensione, anche quando le azioni della scuola potevano apparire incerte o poco tempestive, anche quando alcune comunicazioni ufficiali sono risultate poco chiare o poco esaurienti. La Vostra lettera è stata sicuramente la più importante e bella soddisfazione che io e i miei colleghi potessimo ricevere in questi mesi così travagliati. Per me, poi, le vostre parole assumono un significato del tutto particolare visto che, come forse saprete, questi sono i miei ultimi mesi di servizio. Dal primo settembre, infatti, sarò in pensione, ma vi posso assicurare che sarò sempre a disposizione dell’Istituto “Gandhi”, se e quando la Nostra Scuola avrà bisogno di me.
Finisco con le stesse parole con cui avevo iniziato: grazie della vostra presenza, grazie di aver trovato ed espresso bellissime parole che ci ripagano di tutte le difficoltà passate. Spero, almeno idealmente, di potervi abbracciare tutti!


Con affetto
                                                                 Stefano Santi

Allegati




Link vai su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi